Pascoli color turchese

Salgo nel mio appartamento
Con le grida nel petto
Un gradino dopo l’altro
Sento che arranco.

Su e ancora su, ora mi manca l’aria
L’infanzia, la mamma, le liti
Persino gli incubi, erano così piccoli
Ora sono tutti più grandi.

Arrivo all’ultimo piano
Dove c’è un tetto color turchese
Fatto di voci e ricordi
Mi sporgo giù.

Ecco, il vociare di bambini ignoti
Mi metto in punta di piedi
E porto le orecchie lontane
Chiudendo gli occhi a mia madre, mi lascio andare.